Finora ci avete visitato in 23469.

FIPAV MILANO

 

TORNEO BABBO NATALE


Segui la Squadra Genitori

GITA AD AMANDOLA

FOTO DELLA SETTIMANA

PROGETTO S3

RIVISTA IVOLLY

FACEBOOK

Meteo

SECONDO CONCENTRAMENTO UNDER 14 FIPAV

05/03/2017

Domenica mattino presto e via che si parte verso Carnate, 60 km di speranze e aspettative per far bene e chissà con la possibilità di passare il turno. Le ragazze sono consapevoli che non sarà un compito facile ma le capacità ci sono e occorrerà il miglior Canegrate per riuscire nell'impresa. Siamo ospiti del Carnate, squadra di eccellenza e insieme con il Muggiò ci contenderemo il passaggio al turno successivo. La prima partita è contro le padrone di casa che in fase di riscaldamento non impressionano più di tanto e sale la convinzione che ce la possiamo giocare.

Si inizia con Valentina-Lara, Giulia-Alice, Chiara-Aurora. Si parte subito forte 4-0 per noi con un buon turno di servizio ma al cambio palla, il Carnate fa 7 punti consecutivi in battuta con le nostre ragazze imbarazzanti in fase di ricezione e quelle poche palle ricevute venivano buttate nel campo avversario troppo facilmente tanto da consentire un facile contrattacco. Toffanin chiama time out ma al rientro in campo un ace continua lo stillicidio in ricezione e il Carnate si dimostra anche forte in difesa tanto che gli attacchi di Lara e Chiara vengono puntualmente neutralizzati e le padrone di casa prendono il largo fino ala 19-7. Entra Vanessa su Chiara e per incanto il Canegrate si sveglia dal torpore. Ace di Aurora per il 21-11. Giulia e Valentina a rete riducono lo svantaggio a -8 (22-14). Murone di Alice e Lara fanno chiamare tempo la Carnate (22-16). Ancora due punti consecutivi del Canegrate e secondo time out del Carnate. Giulia picchia a terra il pallone del 22-20 ma sul più bello finisce la benzina e tre bei punti consecutivi del Carnate chiudono il set 25-20.

Secondo set: stesso sestetto e Lara mette giù il primo punto e sul 3-3 il Carnate ha un buon turno di battuta e si porta sul +3. Lara (7-4) e un loro errore (10-5) ci tengono aggrapparti alla partita ma altre due amnesie difensive fanno chiamare time out a coach Toffanin. Così non va ragazze, svegliamoci! E' il monito e il continuo rimprovero ma più il divario aumenta e meno le ragazze ci credono tanto che solo qualche sprazzo di buon gioco si vede. Dopo un murone di Valentina per il 7-15 si passa ben preso al 8-21 (sempre con Valentina a rete) e un mega schiaccione della loro miglior giocatrice mette fine a un set impietosamente inguardabile (25-9).

Troppo brutte per essere loro che ci hanno abituato e si sono abituate a vincere. In difficoltà, non riescono a trovare la forza di reagire. La sensazione è che sarebbe comunque stata dura ma non hanno opposto resistenza e il morale ne risente anche nella seconda partita.

Il Muggiò è squadra sicuramente più abbordabile ma l'atteggiamento delle nostre non cambia.

Aurora mette giù un buon diagonale per il 2-2. Ace di Elisabetta (3-2) e sempre Aurora da posto 4 per la parità (5-5). Giulia ed Elisabetta ci tengono attaccate al set e Lara in parallela pareggia (10-10). Giulia dal centro ci da il primo vantaggio (12-11) e Lara con Giulia mantengono il +1 fino a un turno di battuta che ci porta a -2 (17-15). Tempo Canegrate dopo un lungo scambio. Dopo un murone di Valentina (16-18), è Giulia che ci riporta in parità (18-18). Tempo Muggiò. Al rientro andiamo sotto di quattro punti sempre in ricezione e una doppia schiacciata di Lara fissa il 20-22. Ma i punti finali vanno dalla parte opposta della rete e si chiude sul 25-20.

Toffanin è una furia con le sue ragazze a ben veduta. Ora c'è spazio per Francesca, Alice e Matilde insieme a Valentina, Giulia e Aurora. Francesca fa il primo punto e ace di Valentina per il 2-1. Il vantaggio dura poco. Matilde a muro tiene il -2 (6-4). Aurora schiaccia il 9-5 e Valentina a rete ci tiene lì a -3 (10-7). Giulia dal centro per il 12-8 e Francesca da posto 4 per il 12-9. Un loro turno in battuta ci affossa -8 (18-10) e sono sempre più evidenti la frustrazione e l'incapacità di reagire soprattutto in ricezione. Non ci crede più nessuno sia in campo che fuori. Solo un piccolo sussulto che ci posta dal 20-11 al 20-14 ma troppa poca roba e difatti finisce 25-15.

Rammarico? Solo un po' ma una prestazione così incolore e decisamente scarsa in fase di ricezione deve far riflettere sul fatto che vincere troppo facilmente non sembra essere un buon messaggio per le ragazze che appena trovano un ostacolo e l'asticella si alza un pochino si perdono, offrendo prestazioni come quella di domenica. Tanta palestra e tanta fatica aspetteranno le nostre ragazze e speriamo che tanto lavoro dia i suoi frutti.         

Le ultime cronache

Copyright 2014

Sito generato con sistema PowerSport